Passa al contenuto

Visualizzazione del risultato

Filtro»

Casa Coste Piane

Casa Coste Piane Proprietario Loris Follador proviene da una lunga stirpe di agricoltori di Valdobbiadene. La sua famiglia aveva vigneti sui ripidi pendii quando le zone pianeggianti della valle erano ancora pascoli e campi di rape e le principali industrie locali erano le vicine fabbriche di ceramiche e piastrelle. Ora queste pianure sono piene di viti e il Prosecco commerciale è la principale industria della regione.

Grazie al padre e al nonno, Loris e i suoi due figli non hanno mai dovuto piantare una vite. Questo è un bene, perché i loro vigneti sono assurdamente ripidi e lo strato di terreno è molto sottile, incontrando solide rocce calcaree o di arenaria nel giro di pochi centimetri. Di conseguenza, hanno viti di 60 anni o più, piantate in alti pergolati su pendii scoscesi. In alta stagione, i vigneti danno l'impressione di un'antica foresta vinicola. I Follador sono ben consapevoli di questo fortunato patrimonio e lo trattano con la riverenza e il rispetto che merita. [su_spoiler title="Leggi tutto" icon="chevron"]Non vengono utilizzati diserbanti, pesticidi o fertilizzanti. È impossibile arare qui, ma non è necessario con le viti di questa età. Hanno trovato le loro fonti di nutrimento e acqua molto tempo fa in profondità nella formazione rocciosa sottostante e non competono con la vegetazione di superficie.

La vendemmia viene ovviamente effettuata a mano e sembra quasi impossibile, soprattutto sui pendii più ripidi. L'obiettivo principale della vinificazione e del lavoro in cantina è quello di massimizzare il potenziale delle uve. Mineralità e terroir di queste viti nel modo più semplice e diretto possibile.

Loris segue una tradizione enologica tramandatagli dalle generazioni precedenti, senza adottare i metodi e i "miglioramenti" seguiti al boom economico degli anni '60, ma con una certa attenzione all'innovazione tecnologica. L'uva viene pressata immediatamente con una pressa pneumatica (un'invenzione relativamente moderna, più efficiente e in grado di produrre un succo più pulito e fresco rispetto alla pressa verticale). Il mosto viene poi fatto fermentare parzialmente e i lieviti e il succo vengono separati e i lieviti vengono purificati per filtrazione. In passato si usava una membrana di stoffa simile a una grossa bustina da tè, mentre oggi si usa una membrana di carta. Il succo purificato e i lieviti filtrati vengono rimessi in bottiglia insieme alla fine dell'inverno e all'inizio della metà dell'estate, creando un perlage e un ambiente di anidride carbonica che impedisce l'ossidazione. Per questo motivo non è necessario utilizzare zolfo. Casa Coste Piane non sbocca.

I lieviti morti rimangono quindi nella bottiglia, il che porta a un'ulteriore complessità, ma anche a una certa torbidezza. Il vino può essere decantato dal deposito. Oppure può essere gustato insieme alle fecce naturali (e del tutto innocue). In entrambi i casi, il sapore rimane inalterato e la mineralità è inconfondibile.

È uno stile di Prosecco molto secco, facile da bere, con nerbo, razza e mineralità distintiva.[/su_spoiler]